Alessandro Arnone – General Manager Teatro Manzoni


28 marzo 2019

Il Teatro Manzoni è, per storia e tradizione, un istituzione che ha e che continua a mantenere – esempio rarissimo di utilizzo di capitali privati in ambito culturale  una radicata vocazione culturale, attraverso una produzione artistica sempre di elevato livello. Data la sua peculiare posizione nella topografia cittadina, il Teatro Manzoni riveste inoltre un ruolo centrale come punto di aggregazione, in una sempre più osmotica coesione con il territorio sul quale insiste; un sito culturale è infatti un luogo di interazione complessa fra ambiente, cultura e attori differenziati. Un modo di vanificare l’eventuale rischio di un conservatorismo dettato dalle abitudini o, più semplicemente, dal successo continuato di scelte passate, è quello di aprirsi sempre più a una pluralità di linguaggi in comunicazione fra loro, con una attenzione speciale al territorio di riferimento.

La mostra pittorica di Monica De Mattei, eclettica artista milanese, che ha trovato nella pittura la sua migliore espressione stilistica, costituisce quindi una solida conferma di questa vocazione del Teatro Manzini alla contaminazione fra arti diverse e della sua attenzione al territorio milanese. I pesci di Monica, nei loro sgargianti colori e nelle variegate e multiformi espressioni, accompagneranno – per la stagione teatrale 2018-2019 – gli affezionati spettatori al loro ingresso in sala, nella raffinata saletta Simoni contigua ai palchi e nell’elegante foyer.

Un’occasione particolarmente piacevole di far coesistere, in quello che da sempre è considerato il salotto di Milano, diverse forme espressive e multiformi linguaggi artistici: i   quadri, così come le rappresentazioni teatrali, narrano delle storie che vengono raccolte, interpretate e fatte proprie dalle persone che si fanno da esse attrarre e coinvolgere.

Alessandro Arnone

General Manager Teatro Manzoni Milano.